La rata del mutuo identifica una delle parti in cui è suddivisa la quantità di interessi e di capitale dovuta per l’ammortamento (ovvero, l’estinzione) del debito con l’istituto di credito. L’insieme complessivo delle rate del mutuo costituisce il cosiddetto “piano di ammortamento“.

Rata del mutuo e scadenza

La rata del mutuo ha una precisa scadenza e vede la presenza di due componenti fondamentali, che sono la quota di capitale e la quota di interessi. La quota di capitale è la parte da rimborsare che corrisponde al capitale prestato, mentre la quota di interessi identifica la parte corrispondente agli interessi associati alla somma erogata dalla banca. Il rapporto tra quota capitale e quota interessi all’interno della rata del mutuo varia a seconda del piano di ammortamento: in genere, durante la prima parte della vita del mutuo si pagano soprattutto interessi e con il passare del tempo l’ammontare degli interessi diminuisce e aumenta la quota capitale.

E’ fondamentale assicurarsi di pagare con la dovuta regolarità ogni rata del mutuo, dal momento che il ritardato o il mancato pagamento può determinare l’applicazione di interessi di mora. Si parla di ritardato pagamento della rata quando la rata del mutuo viene pagata tra il 30° ed il 186° giorno a partire dalla scadenza effettiva della stessa. Nei casi più gravi di insolvenza (ritardato pagamento verificatosi almeno sette volte, anche non consecutive), la banca può richiedere la risoluzione del contratto di mutuo.

Assume particolare importanza, a questo proposito, il concetto di sostenibilità della rata: la rata non dovrebbe superare il 30-33% del reddito mensile del mutuatario, una misura necessaria che permette al soggetto di poter far fronte alle spese correnti, a spese improvvise ed a possibili riduzioni di reddito (malattia, infortunio, licenziamento). Alcuni istituti di credito non concedono valori più alti se non in presenza di adeguate garanzie, come ad esempio la presenza di un garante.

Calcolo della rata del mutuo

Il calcolo della rata del mutuo rientra nel novero di quelle operazioni fondamentali che il soggetto intenzionato a richiedere un mutuo dovrebbe effettuare, per maturare un’idea obiettiva sulle caratteristiche delle offerte di mutuo presenti sul mercato e scegliere la soluzione più conveniente e vicina alle proprie esigenze.

In rete esistono alcuni strumenti utili che permettono di effettuare il calcolo della rata del mutuo direttamente online. Il funzionamento degli strumenti per calcolare la rata del mutuo prevede di norma l’inserimento di una serie di dati nel box messo a disposizione dal servizio, tra cui figurano:

  • Valore totale del finanziamento
  • Durata del mutuo
  • Tasso d’interesse praticato dall’istituto finanziario
  • Cadenza rateazione (mensile, trimestrale, ecc.)

Una volta introdotti questi dati, sarà possibile disporre di una serie di informazioni relative al mutuo, come ad esempio data di rimborso, ammontare della quota capitale e della quota interesse, debito residuo.